homepage web target

Italiano English

web and email marketing magazine

How to do Non volete che Facebook abbia le vostre foto di Instagram?

instagram_facebook

Ieri, l'annuncio dell'acquisizione di Instagram da parte di Facebook ha scosso il mondo del marketing digitale: la più celebre app di fotografia fa ora parte dell'universo Zuckerberg, il quale si è aggiudicato un punto nella lotta per conquistare gli utenti mobile (e dunque, nella lotta contro Apple e Google).

Non solo: così facendo ha anche tolto di mezzo il principale concorrente per quanto riguarda la condivisione di immagini: Instagram non era un social network, ma certi aspetti social dell'applicazione erano e sono assolutamente innegabili.

Il CEO di Instagram Kevin Systrom ha rassicurato i suoi (ex) utenti, dicendo che l'applicazione non subirà modifiche sostanziali - a parte le nuove integrazioni con la piattaforma di Zuckerberg, ovviamente. Per gli interessati, una rassegna ragionata delle opinioni a caldo la potete trovare in questo articolo di Matt Ingram per GigaOm.

Ma al di là dei ragionamenti da insider, una delle maggiori preoccupazioni per gli utenti di Instagram è il passaggio di proprietà (in termini di diritti) delle proprie fotografie.

Come ha sottolineato Christine Herron in un tweet, ora questi diritti saranno automaticamente in mano a Facebook, senza che vi siano procedure di opt-out:

christine_herron

Se non si desidera che il passaggio di consegne determini anche questo passaggio di copyright, be', purtroppo non c'è molto da fare. L'unica opzione per ora è quella di cancellare il proprio account Instagram, facendo bene attenzione a scaricare tutte le foto prima.

Come fare?

Il modo più semplice, come ricorda TheNextWeb, è quello di usare Instaport. Questa app consente di esportare tutte le vostre immagini di Instagram nello spazio di un click:

instaport_tnw

Una volta salvate in formato .zip, sarà possibile eliminare l'account e tenersi alla larga da Facebook.

Certo, si tratta di una soluzione per modo di dire, visto che uccide il malato insieme alla malattia (e di certo non andrà bene per i drogati da Instagram all'ultimo stadio).

Eppure, stando ai tweet raccolti da Buzzfeed, c'è già parecchia gente che l'ha fatto o lo sta per fare.

Da questo punto di vista, sarà interessante valutare delle alternative - che per fortuna non mancano. Fra le app gratuite segnaliamo Pixlr-o-matic, mentre se volete spendere qualcosa ci sono Camera+ e Hipstamatic. Certo, i puristi storceranno il naso, ma tant'è...

[10/04/2012]

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News
Cerca